Ipsa scientia potestas est

Quando entri in casa di Paolo lo capisci subito. Basta un quadro, anzi due. Tema strade Bianche e Giro delle Fiandre. E una maglia gialla, pannelli con pezzi sui libri che ha scritto, la bici e un rumore di rulli di sottofondo, di qualcuno che al di là del muro sta facendo qualche test sui rulli. Se la bici ti entra nel sangue per davvero ti cambia la vita, arredamento e rumore di fondo compresi.

Sono stato in Sicilia nei due giorni più freddi di quest’anno, mi dicono, ma tutto è relativo. Un po’ perché in bici con gambali e manicotti non ci andavo da ottobre e il freddo al nord è un’altra cosa. Soprattutto perché sono stato accolto con un calore che forse viene della lava dell’Etna che gli ribolle sotto i piedi. Da Alberto, il collega che mi ha recuperato in aeroporto, e soprattutto da Paolo, Valeria e i loro figli, 7 e 9 anni, in assetto da carnevale.

Accolto come il cugino del nord in visita per il weekend, ho dormito nella “stanza dei corridori”. Quella che Paolo, che oltre che preparatore è anche procuratore e cacciatore di talenti, usa per ospitare i ragazzi che porta in Italia per diventare campioni. Ultimo prima di me, Egan Bernal, 21 anni, passato al Team Sky quest’anno, 94 di Vo2 Max. Dopo di me, un altro ragazzo, 19 anni, 96 di Vo2 Max. In mezzo io, che ho scoperto di averne 57, di Vo2 Max. Giusto così, non sia mai che quella stanza pensi di montarsi la testa.

Paolo è Paolo Alberati, uno che ha corso ai tempi di Marco, professionista dal ’95 al ’97. Uno di quelli che in bici ci va ancora – e forte – e uno di quelli – pochi – che dopo il professionismo han saputo costruirsi una carriera nell’ambiente. Preparatore, procuratore ma anche scrittore e giornalista. Il caso vuole che a Natale abbia preso un suo libro a mio papà, senza sapere chi fosse. Da lì, tra una cosa e l’altra, ci siamo conosciuti per 98double.

Pantani Alberati

Quando c’è l’entusiasmo e la passione, i chilometri non contano ed è bastata una telefonata per convincermi che era il preparatore che cercavo. E poi parliamo della doppietta Giro e Tour. Una tappa in Sicilia non poteva mancare.

Mai fatto un test in vita mia, ma ho passato i pomeriggi a vederne fare da Aldo Sassi e mio papà. Ho conosciuto il plicometro negli sguardi di terrore dei corridori e mi divertivo a guardarli con queste maschere da cartoni animati. Mai avrei pensato di essere al loro posto. E invece…

Come per la salita di Oropa, anche nei test i numeri non mentono. E da oggi conosco un po’ tutta la verità su come vado in bici, dalla posizione ai valori fisiologici.

Ipsa scientia potestas est

La conoscenza è essa stessa potere. Non l’ho detto io ma un certo Francis Bacon. E tutti questi dati danno a Paolo il potere di farmi un piano per sfruttare al meglio il poco tempo che ho a disposizione per allenarmi e un piano per farmi mangiare nella maniera corretta.

Per ora basti sapere che bisogna perdere altri 5 kg e aumentare la potenza che riesco a spingere in salita, ovviamente su un periodo prolungato di tempo, vista la durata dell’Everesting. L’obiettivo è di alzare il più possibile il rapporto peso potenza, cioè quanti watt per ogni chilo di peso riesco a spingere. Punto di partenza: 4.47. Per i ciclisti che leggono, ridete pure. Per i non ciclisti, fidatevi e ridete anche voi.

Test Vo2 Max - Alberati
Paolo mentre guarda preoccupato i miei risultati

Non me ne vado da questo weekend con un piano di allenamento e una dieta tra le mani, quelli arriveranno. Me ne vado con tante conoscenze e tanta consapevolezza in più sui metodi e le teorie scientifiche su cui sono basati, spiegati da Paolo in un modo tanto chiaro che se metà dei professori di fisica spiegassero così saremmo un popolo di premi Nobel.

Non è importante che io ti dia una dieta che segui alla lettera. L’importante è che capisci la teoria che ci sta dietro perché è come se ti stessi dando una dieta per tutta la vita. Poi ingrassare a quel punto sarà solo una scelta.

I piani arriveranno, per ora torno al freddo conoscendomi meglio e conoscendo meglio cosa farò nei prossimi mesi. E visto che la conoscenza è potere, mi sento molto più forte di venerdì scorso.

Quindi grazie Paolo, e perdonami già da ora se su qualche ripetuta ti maledirò. Ma magari non mi sentirai, in questo abitare lontani aiuta.

preparazione fisica 98double A&G

 

Torna